Santa Marina Salina 5 vele di Legambiente e touring club italiano | TurismoEolie.com

Santa Marina Salina 5 vele di Legambiente e Touring Club Italiano  2013

santa marina salina 5 vele legambiente e toruing club italiano Le Isole Eolie, anche quest’anno, si aggiudicano il premio delle prestigiose 5 vele di Legambiente e Touring Club italiano, la premiazione è avvenuta il 7 Giugno 2013 presso la sede di Legambiente a Roma, in collaborazione con Touring Club Italiano. Il comune di Santa Marina Salina è, adesso, al secondo posto nazionale come migliore località balneare del 2013.

La natura è stata madre generosa con questo paradiso terrestre, l’ha dotato di ogni bellezza paesaggistica al punto da renderlo uno scenario così suggestivo da sembrare surreale, ma, a volte, la natura da sola non basta, l’uomo deve diventare suo alleato per preservare e migliorare costantemente l’ambiente, non solo a fini meramente economico-turistici, ma per amore e salvaguardia del bios naturale. Non a caso, Legambiente e il Touring Club Italiano hanno premiato le iniziative del Comune di Santa Marina finalizzate alla salvaguardia del patrimonio naturale e alla valorizzazione delle risorse storico artistico. Deve essere santa marina salina 5 vele legambientericonosciuto un grande merito agli operatori turistici locali per aver migliorato la qualità dei servizi offerti, perseguendo i valori dello sviluppo sostenibile.

Il Comune di Santa Marina Salina ha soddisfatto tutti i criteri applicati per giudicare una località idonea all’assegnazione del premio: qualità delle acque di balneazione, efficacia della raccolta differenziata dei rifiuti, gestione delle risorse idriche, presenza di aree pedonali, efficienza dei servizi, valorizzazione del paesaggio e delle produzioni locali. Il Comune di Santa Marina ha dimostrato di essere esempio e modello di alto livello per il pieno rispetto dell’ambiente e per l’alta qualità del settore enogastronomico. La forza e la bellezza di questa perla siciliana rende orgogliosi i suoi abitanti e lascia accesa la speranza di poter rilanciare l’economia locale, supportando, così, anche quella nazionale.

La vacanze dovrebbero essere scelte anche all’insegna della tutela del territorio, Guida Blu, in questo senso, è il vademecum dell’estate, lo strumento che “in-forma” (forma il turista e lo informa sulle mete da scegliere) il turista soddisfacendo tutte le curiosità in merito alle possibili mete da scegliere per una vacanza speciale.

Oggi, più che mai, il turismofaro-lingua-lago-salinaeolie può rappresentare una risorsa valida per risollevare le sorti economiche del paese, può essere quel settore sul quale investire risorse per allontanare lo spettro di una crisi che ha soffocato anche la speranza di poter ricominciare da quel che è nostro da sempre e che nessuno e niente può toglierci: la bellezza antica, unica e maestosa dell’Italia, quella bellezza che ci racconta la storia dell’arte, della musica, della letteratura, delle tradizioni culinarie e delle delizie di Bacco, perché, senza essere troppo modesti, la nostra Italia, il mare nostrum, i nostri odori e sapori, sono da sempre, e per sempre lo saranno, la culla dei sensi e la calamita per tutti quegli animi sensibili al fascino dell’arte, della bellezza paesaggistica e della buona e sana cucina.

Il volume Guida Bmalvasia di salina isole eolielu sarà in libreria a partire dal 3 luglio 2013 al prezzo di 19 euro, questo volume non si limita a valutare le caratteristiche naturali ed ambientali delle spiagge italiane, vuole premiare quelle località promotrici della green economy che offrono quell’accoglienza che è da dirsi eccellente quando è il risultato della giusta commistione di bellezze del paesaggio e gestione di altissimo livello.

Dal 2007 a oggi, il piccolo comune eoliano di Santa Marina Salina si è distinto per la propria politica ambientale, volta alla sostenibilità e alla creazione di un modello di “Isola Sostenibile” che potesse essere d’esempio per altre realtà insulari.

Tra le attività che il Comune di Santa Marina Salina, inerenti alla propria politica ambientale, vi è la partecipazione alle iniziative promosse da Legambiente ( Spiagge e fondali puliti)e ad altre iniziative caratterizzate da volontariato, come la pulizia della sentieristica rurale e delle aree archeologiche presenti sul territorio, nonché la collaborazione con associazioni ambientaliste a carattere scientifico che permette di monitorare, soccorrere e preservare alcune specie protette ( come delfini e tartaruga caretta caretta) nel mare circostante l’isola.
Confermate e potenziate, infine, le manifestazioni sportive “sostenibili” e perfettamente integrate con il territorio, come l’Eolian Sailing Week ( campionato nazionale FIV), il Giro podistico dell’isola e il Tour in mountain bike e della montagna che quest’anno ha visto lo svolgersi della prima edizione, nonché l’adesione alle iniziative promosse da Sloow Food Valdemone, come la “Salina Isola Slow” giunta ormai alla decima edizione.
Novità importante è stata l’adozione del SEAP( Susteinable Energy Action Plane) da parte del Comune di Santa Marina Salina (primo Comune insulare siciliano a dotarsene), un piano programmatico di sviluppo e sostegno delle energie alternative, con il quale è stata concretizzata l’adesione al “Patto delle Isole” e al “Patto dei Sindaci”, azioni promosse dall’ Unione Europea volte alla riduzione dell’emissione di CO2 in atmosfera.
Sempre in tema di riduzione del CO2 , questo Comune ha aderito ad una sperimentazione avviata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio per la creazione di un modello pilota di isola sostenibile, da esportare in altre realtà insulari italiane ed estere.

 

santa marina salina 5 vele legambiente e toruing club italiano Le Isole Eolie, anche quest’anno, si aggiudicano il premio delle prestigiose 5 vele di Legambiente e Touring Club italiano, la premiazione è avvenuta il 7 Giugno 2013 presso la sede di Legambiente a Roma, in collaborazione con Touring Club Italiano. Il comune di Santa Marina Salina è, adesso, al secondo posto nazionale come migliore località balneare del 2013.

La natura è stata madre generosa con questo paradiso terrestre, l’ha dotato di ogni bellezza paesaggistica al punto da renderlo uno scenario così suggestivo da sembrare surreale, ma, a volte, la natura da sola non basta, l’uomo deve diventare suo alleato per preservare e migliorare costantemente l’ambiente, non solo a fini meramente economico-turistici, ma per amore e salvaguardia del bios naturale. Non a caso, Legambiente e il Touring Club Italiano hanno premiato le iniziative del Comune di Santa Marina finalizzate alla salvaguardia del patrimonio naturale e alla valorizzazione delle risorse storico artistico. Deve essere santa marina salina 5 vele legambientericonosciuto un grande merito agli operatori turistici locali per aver migliorato la qualità dei servizi offerti, perseguendo i valori dello sviluppo sostenibile.

Il Comune di Santa Marina Salina ha soddisfatto tutti i criteri applicati per giudicare una località idonea all’assegnazione del premio: qualità delle acque di balneazione, efficacia della raccolta differenziata dei rifiuti, gestione delle risorse idriche, presenza di aree pedonali, efficienza dei servizi, valorizzazione del paesaggio e delle produzioni locali. Il Comune di Santa Marina ha dimostrato di essere esempio e modello di alto livello per il pieno rispetto dell’ambiente e per l’alta qualità del settore enogastronomico. La forza e la bellezza di questa perla siciliana rende orgogliosi i suoi abitanti e lascia accesa la speranza di poter rilanciare l’economia locale, supportando, così, anche quella nazionale.

La vacanze dovrebbero essere scelte anche all’insegna della tutela del territorio, Guida Blu, in questo senso, è il vademecum dell’estate, lo strumento che “in-forma” (forma il turista e lo informa sulle mete da scegliere) il turista soddisfacendo tutte le curiosità in merito alle possibili mete da scegliere per una vacanza speciale.

Oggi, più che mai, il turismofaro-lingua-lago-salinaeolie può rappresentare una risorsa valida per risollevare le sorti economiche del paese, può essere quel settore sul quale investire risorse per allontanare lo spettro di una crisi che ha soffocato anche la speranza di poter ricominciare da quel che è nostro da sempre e che nessuno e niente può toglierci: la bellezza antica, unica e maestosa dell’Italia, quella bellezza che ci racconta la storia dell’arte, della musica, della letteratura, delle tradizioni culinarie e delle delizie di Bacco, perché, senza essere troppo modesti, la nostra Italia, il mare nostrum, i nostri odori e sapori, sono da sempre, e per sempre lo saranno, la culla dei sensi e la calamita per tutti quegli animi sensibili al fascino dell’arte, della bellezza paesaggistica e della buona e sana cucina.

Il volume Guida Bmalvasia di salina isole eolielu sarà in libreria a partire dal 3 luglio 2013 al prezzo di 19 euro, questo volume non si limita a valutare le caratteristiche naturali ed ambientali delle spiagge italiane, vuole premiare quelle località promotrici della green economy che offrono quell’accoglienza che è da dirsi eccellente quando è il risultato della giusta commistione di bellezze del paesaggio e gestione di altissimo livello.

Dal 2007 a oggi, il piccolo comune eoliano di Santa Marina Salina si è distinto per la propria politica ambientale, volta alla sostenibilità e alla creazione di un modello di “Isola Sostenibile” che potesse essere d’esempio per altre realtà insulari.

Tra le attività che il Comune di Santa Marina Salina, inerenti alla propria politica ambientale, vi è la partecipazione alle iniziative promosse da Legambiente ( Spiagge e fondali puliti)e ad altre iniziative caratterizzate da volontariato, come la pulizia della sentieristica rurale e delle aree archeologiche presenti sul territorio, nonché la collaborazione con associazioni ambientaliste a carattere scientifico che permette di monitorare, soccorrere e preservare alcune specie protette ( come delfini e tartaruga caretta caretta) nel mare circostante l’isola.
Confermate e potenziate, infine, le manifestazioni sportive “sostenibili” e perfettamente integrate con il territorio, come l’Eolian Sailing Week ( campionato nazionale FIV), il Giro podistico dell’isola e il Tour in mountain bike e della montagna che quest’anno ha visto lo svolgersi della prima edizione, nonché l’adesione alle iniziative promosse da Sloow Food Valdemone, come la “Salina Isola Slow” giunta ormai alla decima edizione.
Novità importante è stata l’adozione del SEAP( Susteinable Energy Action Plane) da parte del Comune di Santa Marina Salina (primo Comune insulare siciliano a dotarsene), un piano programmatico di sviluppo e sostegno delle energie alternative, con il quale è stata concretizzata l’adesione al “Patto delle Isole” e al “Patto dei Sindaci”, azioni promosse dall’ Unione Europea volte alla riduzione dell’emissione di CO2 in atmosfera.
Sempre in tema di riduzione del CO2 , questo Comune ha aderito ad una sperimentazione avviata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio per la creazione di un modello pilota di isola sostenibile, da esportare in altre realtà insulari italiane ed estere.

Share Button

Lascia una risposta